©2019 by Imperfect soul. Cristina Savi e Andrea Dallapina. Per saperne di più: Chi siamo / Contatti / Privacy policy e Cookie policy

Web address: imperfectsoul.it - ismarketing.it - giornosofia.it

Verbania - Lago Maggiore

Ad alcuni piace la poesia

Previsti cieli prevalentemente sereni o poco nuvolosi sabato e domenica prossimi sopra l’Alto Piemonte.


Il barometro del giovedì registra invece la ormai schiacciante vittoria dell’aforistica sulla poesia. La comunicazione moderna è fatta di slogan, brevità, frasi pronte da citare o semicitare. Sui social pare che tutti si cimentino con gli aforismi, qualcuno ne ha fatto una professione.


E la poesia? Un tempo si citavano i versi dei grandi poemi o delle liriche romantiche. Ricordare le parole di un poeta aveva più valore dell’ironico e volgare aforisma, che al massimo andava bene per cene snob o per riempire diari.


Non è questione di rimpianti, semplicemente cambiano i gusti. La poesia evoca, allude, è erotica; l’aforisma spiega, mostra nessi, è pornografico.


Basta prendere i versi delle canzoni di un tempo e confrontarle con le rime trap di oggi. Il non detto è scomparso, tutto dev’essere facile e semplice da comprendere, nessuna iniziazione, nessuna ricerca, nessun cammino culturale. Tutto e subito, anche se non è niente. L’ignoto dev’essere bandito.


Cos’è invece la poesia? Scriveva la più grande poetessa del Novecento (titolo assegnato sul campo dal nostro barometro): “Io non lo so, non lo so e mi aggrappo a questo/Come alla salvezza di un corrimano”.


#poesia #barometro #aforisma #erotismo #pornografia #szymborska