Gli accantinati

Sabato di sole e domenica con qualche nuvola in più. Così le previsioni per l’Alto Piemonte.

Il barometro del giovedì, reduce da una giornata di svuotacantina, è invece perturbato dal rapporto tra noi e le cose. Ebbene sì, sarà un retaggio di una società rurale, quale era la gran parte di quella italiana sino a meno di un secolo fa, fatto sta che siamo quasi tutti accumulatori seriali. Solai e cantine raccolgono oggetti che conserviamo, in alcuni casi, per motivi affettivi, ma in gran parte perché non si sa mai. Come provviste per tempi grami, perché la civiltà contadina sa che non si butta via niente, sa che la ciclicità del tempo stagionale suggerisce che quello che è servito ieri potrebbe tornare utile domani. Però un tempo quello che si metteva in cantina era raramente superfluo. Inoltre, vi erano le capacità per dare a vecchi materiali o desueti strumenti nuove funzioni: modellare, modificare, trasformare.


Oggi, invece, accumuliamo oggetti che hanno un‘obsolescenza programmata, che non sono riparabili, che non utilizzeremo più perché finiscono fuori moda o non sono più compatibili con le nuove tecnologie. L’unica speranza, affinché generino nuovo valore, è che finiscano per diventare vintage (cioè piacevoli a un gusto retrò) o si trasformino in un feticcio da collezionisti. Altrimenti sono solo materiale da discarica.

Che fare? Produrre meglio o accumulare meno? Entrambe le strade sono percorribili. Iniziamo almeno da una.

#discarica #cantina #barometro



©2019 - 2020 by Imperfect soul. Cristina Savi e Andrea Dallapina.

Per saperne di più: Chi siamo / Contatti / Privacy policy e Cookie policy

Web address: imperfectsoul.it - ismarketing.it - giornosofia.it

Verbania - Lago Maggiore