Il ciclocronista

Sabato e domenica potrebbero vedere qualche temporale, prevalentemente notturno, in grado di portare sull’Alto Piemonte un abbassamento delle temperature massime. Di giorno prevarrà il sole.

Il barometro del giovedì è invece catturato dalla suggestione di un gaudente tramonto.


Al mondo sono noti i crono-ciclisti: gli specialisti delle gare contro il tempo. L'atleta del Verbano Filippo Ganna, più volte campione del mondo in pista, è uno di loro. Ma se invertissimo i termini? Cosa succederebbe se per le strade ci fossero i ciclo-cronisti?


Cosa intendo? Il giornalismo da tempo è fatto da redazioni composte da giornalisti che fanno prevalentemente lavoro di desk (scrivania), cioè lavorano su notizie di agenzia, comunicati stampa, veline o articoli inviati da collaboratori. Questi ultimi solitamente trovano le notizie attraverso le proprie fonti (istituzionali o cerchia di amici) e oggi anche sbirciando sui social, seguendo i trend, i temi che fanno tendenza. Sempre più raramente le notizie arrivano dalla strada.


E se invece il cronista inforcasse al mattino la bicicletta come un tempo faceva il postino o la guardia comunal, e girasse per le vie, anche secondarie, della propria città? Chissà quanti spunti o storie differenti potrebbe scovare e raccontare.


Se il giornalismo, inteso come professione, ha iniziato la sua fase calante (tagli di stipendi e personale che si sommano alla perdita del monopolio dell’informazione e all'inseguimento del clic) che sia almeno un luccicante viale del tramonto. Una romantica e provocatoria testimonianza di cosa avrebbe potuto essere. Perdiamo con l’onore delle armi (penna e pedali).


#barometro #giornalismo

©2019 - 2020 by Imperfect soul. Cristina Savi e Andrea Dallapina.

Per saperne di più: Chi siamo / Contatti / Privacy policy e Cookie policy

Web address: imperfectsoul.it - ismarketing.it - giornosofia.it

Verbania - Lago Maggiore