Il quarto d'oro

Sull’Alto Piemonte il picco di caldo è previsto per sabato 1° agosto, poi da domenica temporali a rinfrescare (relativamente) l’aria.

Il barometro del giovedì analizza invece il tempo cronologico. Lo spunto è l’idea di creare città da un quarto d’ora (cioè dove i servizi, a partire da scuole e luoghi di lavoro, siano raggiungibili in 15 minuti a piedi o in bicicletta).

A Parigi la giunta Hidalgo ci vuole provare e a inizio luglio ha nominato Carine Rolland assessora alla “ville du quart d’heure”.


Il concetto è suggestivo e presuppone città policentriche. Servono quartieri che non siano solo per lo shopping oppure per gli affari o invece unicamente per dormire. A un quarto d’ora da casa bisognerebbe trovare i luoghi nei quali potersi formare, socializzare e contribuire allo sviluppo culturale ed economico (proprio e della comunità nella quale si vive).

Città di provincia italiane, penso alla Verbania nella quale vivo, potrebbero più facilmente far propria, per tradizione e per dimensioni, questa visione. Un tempo era così, poi le frazioni hanno visto scomparire i negozi, le fabbriche, gli uffici (o chi ha salvato gli uni ha perso le altre).

Lo scenario della pandemia, con lo smart working (la delocalizzazione del lavoro sin dentro le mura di casa) ha fatto comprendere però due cose.

1) In certi casi è inutile buttare via ore della propria vita per raggiungere il posto di lavoro distante chilometri.

2) Di contro, lavorare da casa può risultare alienante, a volte anche poco salutare, e riduce il confronto tra colleghi a chat e videocall.


Perché non ripartire con progetti che incentivino la trasformazione del patrimonio sfitto di quelle che un tempo erano botteghe e case di quartiere? Perché non finanziare la creazione di spazi di co-working e socialità? Perché non favorire investimenti delle aziende in uffici diffusi, abbandonando l’idea dell’imponente quartier generale (fonte di una visione piramidale e verticistica del lavoro, mentre oggi lo sviluppo passa attraverso relazioni non necessariamente verticali, ma per competenze)?

Le merci, abbiamo scoperto, possono arrivare direttamente a casa, le relazioni umane possono passare attraverso la rete. Ma sono la stessa cosa? Generano lo stesso valore? Il quarto d'ora può diventare un quarto d'oro?


#barometro #quartodora #nuovecitta



©2019 - 2020 by Imperfect soul. Cristina Savi e Andrea Dallapina.

Per saperne di più: Chi siamo / Contatti / Privacy policy e Cookie policy

Web address: imperfectsoul.it - ismarketing.it - giornosofia.it

Verbania - Lago Maggiore