L'ambivalenza dei numeri due

Su laghi e valli del Verbano Cusio Ossola previsto un fine settimana e una festa dell'Epifania con giornate soleggiate e miti per il periodo.


Il barometro del giovedì parla invece di oggi, 2 gennaio, il secondo giorno dell’anno, per molti il primo lavorativo. E perciò mentre tutti si ricordano di Capodanno o celebrano il fascino dell’ultimo, della vigilia, del “sabato del villaggio”, dell’attesa della festa, per il due non ci sono osanna, al massimo qualche imprecazione.


Perché è dal 2 che i buoni propositi, i sogni e le aspettative del 31 e del 1 si trovano a fare i conti con la realtà, il nostro carattere, quello altrui, il meteo, gli accidenti e via dicendo. Perciò il barometro del giovedì non vuole cantare inni al due, ma specchiarsi nel suo esser doppio.


Non è che il 2 sia migliore, ma la nostra cultura punta sempre all’Uno, cioè a raggiungere la parola divina/scientifica, vera, definitiva, chiara, a trovare l’uguaglianza, l’unione, l’universale. Invece sin nella nostra coscienza, nei nostri pensieri, siamo sempre duali: ogni chiaro cela uno scuro.


Iniziare l’anno dal 2 gennaio vuol dire sapere che falliremo, ci riproveremo, finiremo prede di una cattiva corrente o benedetti da un vento di grazia. Comunque vivremo. Con o senza aver ragione.




©2019 - 2020 by Imperfect soul. Cristina Savi e Andrea Dallapina.

Per saperne di più: Chi siamo / Contatti / Privacy policy e Cookie policy

Web address: imperfectsoul.it - ismarketing.it - giornosofia.it

Verbania - Lago Maggiore