Leo, il chatbot diventa creativo

È possibile rendere creativo un chatbot? Un assistente virtuale può personalizzare il racconto dei servizi e delle storie aziendali? È questa la nuova sfida di Leo.


Leo è l’assistente virtuale realizzato per migliorare la customer care delle piccole e medie aziende e delle pubbliche amministrazioni, per riuscire a fornire le risposte che gli utenti vogliono ricevere dalle pagine aziendali presenti su Facebook.


Ricevere tempestivamente e in modo pertinente risposte via Messenger alle proprie richieste viene sempre più individuato come un criterio di affidabilità di un’azienda.


Leo si rivolge perciò alle imprese private che vogliono permettere ai loro clienti un rapporto diretto, senza però doversi sobbarcare l’onere di un operatore che risponda in tempo reale.


Leo collabora inoltre con le pubbliche amministrazioni che vogliono informare cittadini e turisti con la chat di Facebook, sia sui servizi di pubblica utilità, sia sulle opportunità offerte dai Comuni italiani. Quest’ultimo progetto è stato scelto da Facebook Italia come caso studio di promozione del loro progetto di digitalizzazione delle Pubbliche Amministrazioni.


Leo (leobot.it) è un prodotto della Leo Advertising, un’agenzia formata da 5 giovani (l’età media è 24 anni) che si contraddistinguono per la loro esperienza nel Facebook Advertising.

Ora Leo ha creato una partnership con imperfectsoul.it, l’unione delle esperienze del giornalista e scrittore Andrea Dallapina e della digital tutor e consulente di comunicazione e marketing Cristina Savi.


L’obiettivo è quello di riuscire a rendere Leo sempre più un assistente virtuale in grado di fornire risposte adeguate agli utenti ma anche di coinvolgerli in uno storydoing che li possa portare in un viaggio personalizzato nel brand. Una storia creativa, in base al gusto individuale, con l’obiettivo di fidelizzare la clientela. Con Leo si può così aumentare l’engagement, rendendo sempre più immersiva l’esperienza di dialogo con un assistente virtuale.


L’intraprendenza della generazione Z incontra l’esperienza della generazione X. La nuova equazione della comunicazione digitale è x+z=WOW! Perché è quello che vien da dire guardando LeoBot in azione.


#leo #chatbot #facebook #messenger #customercare




©2019 - 2020 by Imperfect soul. Cristina Savi e Andrea Dallapina.

Per saperne di più: Chi siamo / Contatti / Privacy policy e Cookie policy

Web address: imperfectsoul.it - ismarketing.it - giornosofia.it

Verbania - Lago Maggiore