Oltre le slide c'è di più

In questi decenni di grandi evoluzioni tecnologiche è singolare come la formazione e l’insegnamento siano invece rimasti ancorati all’idea della lezione frontale.


Ci pensavo nei giorni scorsi partecipando a un corso a Milano su personal branding e reputazione online.

Complimenti al relatore, certamente preparato, ma come in decine di altri casi, è stato tutto un susseguirsi di slide commentate.

La parte interattiva si è basata sull’utilizzo da parte dei corsisti di Business model canvas o tabelle SWOT (anche in questo caso strumenti non recentissimi e ancora fatti di cara e vecchia cellulosa).


Negli ultimi anni, in sostanza, è cambiato solo l’approccio del formatore.


Prima la formazione accademica portava a parlare “ex cathedra”. Il messaggio sottinteso era: la verità è fuori, qualcuno la conosce (il maestro, il mentore, il formatore) e ve la comunica (istruisce nel senso etimologico di “infilare dentro”).

Da qualche tempo l’approccio del formatore (dopo un secolo di psicologismo) è invece quello di dire: la verità è dentro di voi, voi sapete cosa volete davvero, vi aiuterò solo a tirarlo fuori (educazione come educere, estrarre).

Se vogliamo questo metodo è più subdolo poiché suggerisce l’idea di un mediatore neutro, così che alla fine ciò che decidiamo pensiamo sia solo farina del nostro sacco, un sacco interno, vero e misterioso, mentre in realtà non è mai così.


È possibile trovare metodi o forme d’insegnamento differenti? è possibile una terza via?


Se la risposta è sì, deve partire da questo assunto: la verità non è ne fuori né dentro di noi. La verità è sempre in gioco.


Cosa vuol dire in concreto? Cosa significa trasportato in un’aula di formazione?


Di gioco, non nel senso di giocattoli, ma di strumento formativo, si continuerà a scrivere nelle prossime settimane. E scopriremo le risposte.


#slide #formazione #psicologismo #gioco #lezione



0 commenti

©2019 - 2020 Visual blog by Imperfect soul - imperfectsoul.it

Disegnato e scritto da Cristina Savi

info: info@cristinasavi.it

Privacy policy e Cookie policy